CALLA: ICONA ASSOLUTA DI VHERNIER

Icona assoluta di Vhernier. Essenziale e sensuale. Contemporanea e archetipa. È la collana Calla, sintesi ed espressione del DNA del marchio. Quell’unico elemento perfetto, ripetuto in un susseguirsi morbido e sinuoso, quella forma semplice, iscritta nella memoria di ciascuno, racchiude e al contempo dischiude un mondo di ricerca, semplicità, ispirazione, naturalezza ed ergonomicità. Il mondo Vhernier.

Figlia di una cultura della bellezza e di una tradizione manifatturiera che ha le radici nelle botteghe rinascimentali, Calla affascina e stupisce con i suoi volumi ritmici e perfettamente bilanciati che generano un’idea di movimento continuo, calmo e meditativo. Senza ghirigori o fronzoli, esprime la sua vocazione minimalista con coraggio e impareggiabile bellezza.

La capacità della collana Calla di dialogare con la memoria e le sue forme archetipe ne ha decretato il successo, elevandola allo stato di gioiello icona, universalmente riconosciuto e amato. Negli anni, Vhernier ha avuto il coraggio di rivisitare questa creazione, sperimentando e utilizzando materiali diversi e irrituali, consapevole che, lungi dal rendere il gioiello meno prezioso, lo avrebbero piuttosto reso ancora più capace di esprimere l’anima sofisticatamente anti conformista del marchio.

La magia di Calla e il mondo dal quale è nata sono raccontati da Carlo Traglio e da due studiose del gioiello note a livello internazionale: Alba Cappellieri e Amanda Triossi.

UN GIOIELLO IN COSTANTE EVOLUZIONE

Il primo disegno ufficiale della Calla presente nell’archivio dell’azienda è del 1999, ma la ricerca e lo studio erano cominciati già l’anno precedente. La prima versione della collana, seguita immediatamente dal ciondolo, è stata realizzata in oro rosa, una tonalità calda, molto amata da Vhernier perché in grado di fondersi in maniera perfetta con ogni carnagione.

È in seguito, è cominciato un processo di rivisitazione, che ha portato alla realizzazione, negli ultimi 20 anni, di 54 varianti della collana e di 98 versioni del ciondolo.

Calcedonio, crisoprasio, turchese, opale rosa, corallo sono solo alcune delle pietre utilizzate da Vhernier per realizzare la collana Calla, anche se la più amata è la versione in oro ed ebano: leggera, accattivante, contemporanea. Una scelta anticonformista quella di Vhernier, che con l’ebano ha introdotto l’utilizzo di materiali non canonici dimostrandone l’assoluta bellezza e, con una lavorazione altissima, li ha resi preziosi. Una svolta che ha tracciato un solco importante nel mondo della gioielleria e che da allora è diventata uno degli elementi distintivi del brand, che ama percorrere sentieri non battuti, giocare con materiali insoliti – ma sempre naturali e bellissimi – mixandoli con elementi ultra preziosi.

Nel 2019, Vhernier ha elaborato un nuovo modo per esprimere la perfezione del suo gioiello più iconico: donandogli un design capace di adattarsi in modo perfettamente ergonomico al corpo di chi lo sta indossando. Pur senza andarne a modificare l’estetica e le forme distintive, per la prima volta l’elemento iconico è stato curvato e reso più avvolgente. Da questa nuova interpretazione è nata una collezione inedita di bracciali, orecchini, anelli e catene.